Odi et amo dei servizi sanitari

Strumenti digitali e strumenti sanitari online: gli spunti più interessanti emersi dal sondaggio sottoposto ai soci del Club.

Qual è la vostra esperienza in fatto di strumenti digitali e strumenti sanitari online?

Circa un mesetto fa vi abbiamo sottoposto un questionario per conoscere le vostre abitudini in questo campo con lo scopo di iniziare a disegnare e promuovere nuove soluzioni nel modo migliore e più efficace.
In particolare, ci siamo concentrati sui servizi di scarico dei referti online ed alcuni servizi correlati: prenotazione, pagamento e consultazione dei documenti sanitari.

Siete curiosi di sapere cosa avete risposto nel sondaggio? Continuate a leggere e date un’occhiata all’infografica in fondo all’articolo.
Ci avete fornito degli spunti interessanti!

Cosa ne fate, ad esempio, del vostro referto una volta che lo avete scaricato dal web?

L’86% di voi crea un proprio archivio digitale, salvando il documento sul proprio PC o altro supporto, ma resta comunque alto il numero di chi sceglie di stampare il referto per averlo anche in formato cartaceo (65%). Il 39% dei soci rispondenti ci ha detto che solitamente condivide il documento con il proprio medico (inviandolo via mail o portandolo di persona).

Siete tipi da “tutto e subito” o più da “lo farò quando avrò tempo”?

Per quasi tutti i servizi che vi abbiamo presentato la maggior parte ha affermato di preferire modalità che consentano di completare l’azione – ad esempio la prenotazione di una visita, il successivo pagamento, il ritiro di un referto o la consultazione di un documento sanitario – il prima possibile ovunque ci si trovi, segue a pochi punti percentuali il “poterlo fare comodamente, a casa e con calma”.
Unica parziale eccezione che abbiamo rilevato dalle vostre risposte riguarda il servizio di pagamento, per il quale ancora un 44% preferisce farlo di persona, al momento della visita.
Di conseguenza, i canali che preferite sono quelli digitali: sito web e app sono stati scelti da più del 90% per tutti i servizi, sempre con la parziale eccezione del pagamento (un 15,5% continua a preferire lo sportello per usufruire di questo servizio).
Oltre alle abitudini, vi abbiamo chiesto di esprimere alcune “emozioni”, importante cartina tornasole che guida le persone nella scelta di prodotti e servizi.

Quali sono le sensazioni che associate ai diversi canali per l’utilizzo dei servizi?

Se il PC è per antonomasia lo strumento che trasmette comodità, tranquillità e sicurezza, lo smartphone è immediatamente sinonimo di comodità e libertà: consente infatti di gestire documenti e utilizzare servizi sempre e ovunque, anche se non è percepito come il canale più sicuro in assoluto.

Il canale fisico (personale di sportello), invece, se per alcuni è fonte di tranquillità, è soprattutto associato a frustrazione, disagio, ansia e inadeguatezza.

E adesso cosa ce ne facciamo di questi dati?

Tutti gli elementi descritti sono utili per avere un’idea – sebbene ancora embrionale – su quali potrebbero essere le opportunità, le resistenze e le aspettative dei cittadini legate all’introduzione di nuovi servizi sanitari digitali in Veneto e lavorare per rispondervi in maniera adeguata.

Verso la co-progettazione di nuovi servizi online

Uso degli strumenti e dei servizi sanitari digitali

Sondaggio effettuato tra i soci del Club Innovatori Sanità km zero

2018-09-17T12:23:57+00:00 08/04/2018|Nessun commento

Commenta l’articolo