Servizi di prenotazione: bisogni, esperienze e desideri del Club

Velocità, semplicità, “tutto in un unico luogo”: ecco come i soci del Club ci hanno descritto il servizio di prenotazione che desiderano

Qualche tempo fa abbiamo chiesto ai soci del Club la disponibilità per un’intervista telefonica sul tema “prenotazione”: l’adesione è stata talmente alta (quasi 200 persone!) che non siamo riusciti a chiamare tutti. Ci è dispiaciuto molto!
Iniziamo dunque questa news con un immenso grazie a tutti voi, vi siamo riconoscenti per il continuo sostegno che dimostrate alla “missione” Sanità km zero.

Ma cosa ci hanno raccontato i soci con cui ci siamo sentiti al telefono?

Ci hanno raccontato molte cose, che una news non potrebbe restituire nella maniera corretta. Per il nostro tipo di studio dovevamo, inoltre, concentrarci particolarmente sulle criticità che vengono riscontrate, ma molte persone ci hanno lasciato entrare nelle loro vite raccontandoci anche la loro gratitudine verso determinate figure professionali e la disponibilità degli operatori.

Per iniziare abbiamo chiesto loro cosa pensino del Centro Unico Prenotazioni, come agiscano quando devono prenotare visite ed esami specialistici, quale canalità preferiscano, cosa li faccia sentire a loro agio e cosa non sopportino…ed anche una “magia” per immaginare il loro servizio ideale.
Pur avendo parlato con un gruppo molto eterogeneo – da chi è nato nel 1937 a chi nel 1998, storie di vita ed esperienze differenti, diversi bisogni di salute – abbiamo rilevato una percezione del servizio e necessità espresse molto simili.

Se leggendo “cosa pensi del CUP” ti sono venuti in mente il tempo impiegato, le possibili difficoltà incontrate e la necessità di effettuare più passaggi, anche tu la pensi come i nostri intervistati.

Nonostante questo in fin dei conti il servizio è considerato abbastanza funzionale. Significa che gli operatori del CUP riescono a rispondere ai bisogni degli utenti, ma il servizio in generale si può migliorare.

Faccio tutto al telefono. Avevo provato online ma non ho capito se si potesse prenotare, non trovo informazioni corrette e precise.

— Donna, 1966

Darei quasi un 4 (su 5) per l’impegno. Io apprezzo a priori. Stiamo vedendo le cose migliorative. Sono novità che devono ancora prendere piede.

— Donna, 1979

Nel momento in cui si ha un problema di salute è chiaro che portare a termine la prenotazione della visita o esame che il medico ha prescritto ha un’alta priorità.

Come si raggiunge questo obiettivo? Sembra semplice, ma a volte non lo è. Ad esempio utilizzando il canale online, ma se il tentativo non va a buon fine perché la prestazione non è disponibile sul sito si prova a chiamare e, infine, si va di persona al CUP.
Accade che, se la prenotazione online, dopo un primo tentativo, non va a buon fine, non si prova più ad utilizzarla e si va per altre vie, creando disaffezione per il servizio digitale.

A volte affrontare il processo di prenotazione comporta più preoccupazioni della visita in sé. Alcuni degli intervistati hanno ribadito di non riuscire quasi mai a prenotare affrontando il processo tutto in una sola volta.

Anche gli orari e le disponibilità del CUP non sempre incontrano le esigenze, e ritirare il promemoria dal medico di base è spesso visto come uno spostamento superfluo, in particolare per i cronici che ripetono le visite.

Come potremmo, quindi, far compiere un bel balzo in avanti ai sistemi di prenotazione?

Si potrebbe uscire dallo studio del medico con la visita già prenotata, attivare un lettore di codici in-app, oppure prendere ispirazione dagli strumenti che usiamo per prenotare hotel e ristoranti, costruire un’app o un sito dove possa fare tutto in un unico luogo e in pochi clic, implementare assistenti virtuali e chatbot* che conoscano i bisogni e imparino dalle nostre scelte, prenotando al nostro posto. Le idee espresse dai soci sono state molte e tutte molto interessanti: il nostro compito ora è capire quali delle soluzioni proposte possano essere integrate con i sistemi esistenti e disegnare la soluzione migliore da portare all’attenzione degli sviluppatori.

Speriamo di potervi aggiornare a breve sulle prossime evoluzioni!

Un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno condiviso con noi la loro esperienza, ne faremo buon uso.

* Un Chatbot è un software che simula un dialogo, una conversazione con un essere umano. Il suo scopo è quello di aiutare l’utente e sono spesso utilizzati online (tramite “chat”), ad esempio, per risoluzione di problematiche, assistenza, richiesta domande frequenti, etc. Alcuni chatbot molto evoluti utilizzano sofisticati sistemi di elaborazione del linguaggio naturale, altri, invece, si limitano scansionare le parole chiave che vedono inserite dall’utente e fornire una risposta con le parole chiave più corrispondenti.
2020-09-04T10:49:01+02:00 02/09/2020|44 Commenti

44 Commenti

  1. Valter 03/09/2020 at 16:34 - Reply

    Buono speriamo si abbrevino i tempi delle visite

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 11:37 - Reply

      Gentile Valter, grazie del commento. Speriamo di riuscire, insieme, a migliorare i servizi e renderli più rispondenti ai bisogni che anche voi soci avete espresso. Cordiali saluti

  2. Giordano 03/09/2020 at 16:36 - Reply

    Buongiorno ottima notizia spero che avvenga presto la possibilità di fare le prenotazioni tramite app vi ringrazio e buon lavoro a tutto lo staff

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 11:37 - Reply

      Gentile Giordano, grazie dell’entusiasmo e del tuo augurio! Continuiamo ad innovare insieme. Cordiali saluti

  3. Gianna 03/09/2020 at 16:40 - Reply

    Si farebbe comodo prenotare la visita specialistica già dal proprio medico ma siccome ci vuole appuntamento anche dal medico tutto unisieme diventa un bel caos allora si va al centro cub si paga la visita invece di aspettare 3 o 4 mesi il giorno dopo la fanno subito però non mi sembra una cosa giusta

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 11:35 - Reply

      Gentile Gianna, grazie per il tuo commento. Stiamo cercando di migliorare il sistema di prenotazione con l’aiuto di cittadini e professionisti: speriamo in futuro risponda meglio alle esigenze che anche tu esprimi! Cordiali saluti

  4. Catia 03/09/2020 at 17:12 - Reply

    il problema non è il CUP loro non hanno colpa dei tempi biblici che ci sono, quindi per me è un’indagine inutile

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 11:33 - Reply

      Gentile Catia, ci spiace ritenga inutile lo studio che abbiamo fatto. Il nostro lavoro è quello di far partire il volano dell’innovazione e del cambiamento proprio dalla rilevazione dei bisogni degli utenti e scalarli fino ai tavoli di lavoro. Perchè quindi non provarci? Cordiali saluti

  5. Tonino 03/09/2020 at 17:16 - Reply

    Ritengo molto importante questo tipo di feedback e spero possa continuare con la volontà di continuare a partecipare attivamente al progetto

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 11:30 - Reply

      Gentile Tonino, grazie per il tuo commento: il nostro lavoro è solo all’inizio, quindi avanti tutta!
      Cordiali saluti

  6. Pierluigi 03/09/2020 at 17:48 - Reply

    Grazie dell’ aggiornamento.
    È necessario ed è molto utile, per me.
    Buon lavoro!!!
    Pierluigi Tosi

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 11:27 - Reply

      Gentile Pierluigi, grazie per il tuo commento e per il tuo augurio: siamo felici di lavorare su soluzioni che ti possano essere davvero utili. Cordiali saluti

  7. Laura 03/09/2020 at 18:15 - Reply

    in questo momento l’ulss2 di Treviso ha appena fatto partire le prenotazioni on-line, come il chiamami…… personalmente non l’ho ancora provato….. sono anche una dipendente dell’ulss in questione, ma apprezzo molto lo sforzo che stanno compiendo per far in modo che la gente non si sposti e possa essere richiamata…. addirittura ad un giorno e un’ora prefissa…..

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 11:26 - Reply

      Gentile Laura, grazie per il tuo commento. Siamo lieti condivida con noi il percorso nel rendere i processi sempre più semplici e sempre più rispondenti ai reali bisogni delle persone. Siamo sulla buona strada, ma continuiamo ad innovare insieme! Cordiali saluti

  8. Antonio 03/09/2020 at 18:49 - Reply

    L’applicazione in uso “Sanità Km Zero Ricette” potrebbe essere utilizzata anche per prenotare la visita dal proprio medico di base, che, se è d’accordo potrebbe confermare, indicando la data e l’orario, della prenotazione visita.

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 11:19 - Reply

      Gentile Antonio, grazie per il tuo commento e il tuo spunto, lo porteremo all’attenzione del team. Ragionando sulla soluzione, diciamo che dal punto di vista organizzativo oggi ogni medico è libero di scegliere modalità e canalità per le comunicazioni con i propri assititi: un eventuale nuovo servizio dovrebbe comunque portare giovamento ad entrambe le parti.
      Cordiali saluti

  9. Vito 03/09/2020 at 19:08 - Reply

    Tralasciando il “tono trionfalistico” di utenti, non è dato sapere se di parte, ogni volta che mi devo approcciare al CUP per me è una “arrabbiatura”, salvo chiaramente per qualche eccezioni. Allo sportello il personale si approccia sempre con un’aria di “fastidio”, salvo, ripeto, chiaramente eccezioni…. Il call center, se risponde dalla casa di ” restrizione”, si tratta personale non addestrato sulla competenza.
    Spesso,a memoria, ho presentato segnalazioni nella vostra cassetta.
    Chiedete l’autorizzazione agli utenti per poter registrare le telefonate, per avere una “cartina al tornasole” e valutare l’efficacia del servizio. Poi il disagio nel ricevere la risposta “non ci sono disponibilità”, il personale fa la fotocopia della prescrizione medica riferendo della successiva telefonata allorchè si verifichi una disponibilità del posto, inutile attesa…checchè se ne dica la sanità veneta è regredita. L’unica risposta alle proprie necessità personalmente, della mia famiglia, dei miei conoscenti, è data dal ricorso alle strutture private che, addirittura, dispongono di apparecchiatura elettromedicali di diagnostica per immagini di ultima generazione; tale apparecchiature non disponibili nelle strutture sanitarie pubbliche, almeno nel padovano. Abitando pertanto a Padova percepisco chiaramente che le strutture sanitarie padovane sono penalizzate da chi? non è dato sapere. Però noto che spesso sono costretto a recarmi in strutture periferiche e in altre provincie, come per interventi chirurgici delicatissimo, come nell’oculistica, che pur a Padova è di eccellenza, ma non sono a conoscenza se ancora…
    Ultima “chicca” sulle vostre “piattaforme” informatiche”, che resta un capitolo” a parte: Per scrive questa mia segnalazione, almeno il mio “schermo” pur essendo un PC di ultima generazione ed avendo optato nelle impostazione, carattere grandi e marcati, faccio fatica a scrivere questa mia segnalazione, perchè la vostra “piattaforma” mi abilita a un carattere di scrittura molto piccola e sbiadita. T
    Provate per credere… le persone anziane, le persone ipovedenti non possono rispondere alla vostra richiesta.

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 11:14 - Reply

      Gentile Vito, ti ringraziamo per aver dato un approfondito riscontro allo studio fatto, cerchiamo di rispondere a tutti i punti da te toccati. Per quanto riguarda il campione degli intervistati, il nostro invito è stato inviato a tutti gli iscritti al Club e, tra coloro che hanno risposto positivamente, abbiamo scelto una dozzina di persone che coprissero diverse fasce d’età, in modo da avere uno sguardo quanto più inclusivo: sul loro background o interessi, noi non abbiamo informazioni. Fai riferimento ad alcune attività per la raccolta di feedback come “cartina tornasole” ma, purtroppo, non si tratta di attività seguite o gestite dal Club Innovatori (forse sono iniziative della ULSS?) quindi non siamo in grado di darti riscontro in merito. Il nostro lavoro, però, è innovare e semplificare il sistema grazie anche a testimonianze come la tua. Sul tema della prenotazione, fulcro dello studio, stiamo lavorando con professionisti e cittadini per cercare di rendere più lineare il processo e, soprattutto, che questo risponda meglio alle esigenze degli utenti. Ti ringraziamo, infine, per la segnalazione sulla poca visibilità dei caratteri sulla piattaforma: è la prima che riceviamo e prendiamo subito in carico una verifica. Cordiali saluti

  10. Alberto 03/09/2020 at 22:00 - Reply

    Un elemento importante è anche la qualità della prestazione oltre alla tempistica. Un paziente complesso come quello oncologico non è possibile che esegua esami radiologici “dove c’è posto” ma è opportuno che le prestazioni siano effettuate regolarmente presso la stessa struttura, meglio se dove è seguito (da oncologo/chirurgo/radiologo dedicati..). Non è raro infatti che siano riportati nei referti dubbi relativi a quadri radiologici già precedentemente studiati; essendoci un dubbio inducono nuovi accertamenti (e quindi incremento di prestazioni) inutili oltre a provocare ansia in pazienti delicati. Non trascurabile poi il fatto che la gestione dei pazienti oncologici passa per i gruppi multidisciplinari e la procedura è molto facilitata se tutta la gestione è in un’unica sede (un radiologo esterno difficilmente è reperibile per chiarimenti). E’ chiaro che questo tutto questo passa anche per le scelte politiche che si fanno per la Sanità.

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 10:42 - Reply

      Gentile Alberto, grazie per il tuo commento e la tua esperienza. In effetti, quanto descrivi è maggiormente legato ad organizzazione del sistema sanitario, non solamente al sistema prenotazione. Noi Innovatori stiamo comunque lavorando per rendere il sistema di prenotazione più lineare, a favore di una maggiore omogeneità dei sistemi e semplificazione. Cordiali Saluti

  11. Angelo 03/09/2020 at 23:00 - Reply

    Per cortesia cosa significa “chatbot”?. Grazie

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 10:31 - Reply

      Gentile Angelo, grazie per lo spunto che hai dato: dovere del Club è anche diffondere cultura digitale in maniera semplice. Un Chatbot è un software che simula un dialogo, una conversazione con un essere umano. Il suo scopo è quello di aiutare un utente e sono spesso utilizzati online, tramite “chat”, ad esempio, per risoluzione di problematiche, assistenza, richiesta domande frequenti, etc. Alcuni chatbot molto evoluti utilizzano sofisticati sistemi di elaborazione del linguaggio naturale, altri, invece, si limitano scansionare le parole chiave che vedono inserite dall’utente e fornire una risposta con le parole chiave più corrispondenti.
      Cordiali saluti

      lo aggiungiamo anche nella news in modo che altri lettori possano usufruirne

  12. Adriano 04/09/2020 at 0:34 - Reply

    Interessante, mi dispiace non aver partecipato; mi è sfuggita la mail. In questi giorni prenotare una visita od un esame via telefono è veramente difficoltoso, probabilmente perché il CUP viene utilizzato anche x prenotare esami del sangue. Sarebbe opportuno dedicare una linea apposita x questo tipo di prenotazioni (io utilizzo il sito web). Scegliere di essere richiamati entro 48 ore è molto snervante e problematico (bisogna avere à disposizione l’impegnativa in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo).
    In Friuli sono (parlo x esperienza diretta) molto più rapidi nel rispondere subito (senza bisogno di essere richiamati).

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 10:25 - Reply

      Gentile Adriano, non preoccuparti, ci saranno sicuramente altre occasioni di collaborazione prossimamente.
      Ti ringraziamo per il tuo spunto, lo condivideremo con il team di lavoro.
      Cordiali saluti

  13. Mohammad 04/09/2020 at 6:07 - Reply

    Perche le prenotazioni per gli esami e le visite non vengono effettuate dal medico curante in riferimento agli ambiti territoriali dove vivono i pazienti e perché il medico curante non ha l’accesso al banca dati dell’ASL /ospedale dove viene effettuato l’esame? Così il paziente non deve fungere da nastro trasportatore di un flusso documentale, con un risparmio economico notevole?

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 10:16 - Reply

      Gentile Mohammad, grazie per il tuo commento ed interessante spunto: stiamo lavorando proprio per rendere il sistema di prenotazione più lineare, a favore di una maggiore omogeneità dei sistemi e semplificazione.
      per quanto riguarda la seconda parte della domanda, il tuo medico può avere accesso alle tue informazioni sanitarie. Se gli chiedi di attivare il tuo Fascicolo Sanitario Elettronico regionale, infatti, egli potrà consultare i tuoi referti dal suo sistema.
      Cordiali saluti

  14. Mariangela 04/09/2020 at 6:57 - Reply

    Propongo un mini corso on line per prenotazioni, magari su 3 livelli di competenza informatica dall’utente

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 9:57 - Reply

      Buongiorno Mariangela,
      grazie per il tuo spunto! Ad oggi coesistono sistemi e canalità differenti tra una ULSS e l’altra, risulta quindi difficile proporre una formazione di questo tipo che possa essere onnicomprensiva ed esaustiva.Uno dei nostri scopi è lavorare insieme in modo da proporre una soluzione che possa gestire in maniera univoca che semplifichi le prenotazioni.
      Cordiali saluti

  15. Flavio 04/09/2020 at 10:09 - Reply

    Concordo pienamente siete bravissimi ma ciò che si faceva in anni ora è necessario averlo in mesi se non settimane la tecnologia HW e SW è praticamente illimitata. La mia dr.ssa di base BRAVISSIMA a 61 anni io con lei sfrutto tutto quello che avete messo a disposizioni, per la richiesta di visite specialistiche lo si fa x mail una con il .pdf e la successiva con il codice per aprirlo, quanti lo fanno ???? Bisogna FORMARE i medici che per formazione NON sono portati per la tecnologia ora essenziale. Le prenotazioni accorparle su app co icone a prova di bambino, l’operatore che le riceve non ha l’urgenza della chiamata telefonica ha il tempo di verificare disponibilità e il gg. successivo arriva una mail, wapp o sms con i dati della prenotazione, la produttività si raddoppia = dimezzamento dei tempi, non si può stare ORE al telefono con il CUP, il telefono va riservato solo agli over 70, gli altri tutti on line. FORMATE E INSISTETE CON I MEDICI DI BASE alcuni non utilizzano neanche le mail. Insistete sulle app inviare una mail al CUP che nell’ULLS6 è diviso in 3, tre indirizzi diversi, formato mail da grande azienda piena di lettere, numeri e altro per me non va bene, una icona sul portale dove si prenota con 3/4 info, tanto sapete tutto del paziente, dove abita, il medico, etc. Fate un APP apposita per il COVID-19 chi ha problemi apre il ticket e entro qualche minuto viene contattato da uno specialista per l’anamnesi, ben sapete che i prossimi mesi saranno di FUOCO. Combattiamo con un Killer spiegato (penso progettato … troppo intelligente) con mascherine, e disinfettanti per me l’alternativa, prima del vaccino, è LA VELOCITÀ’ diagnostica i medici fanno il loro mestiere ma la tecnologia deve essere rapidissima. Non servono mega studi, app come immuni un fallimento, mega primari, mega analisi, cose semplici per essere rapidi ed efficaci. assumente un esercito di ragazzi SMANETTONI (da noi ce ne sono migliaia) piccola formazione e fateli girare presso i medici di base, si devono sedere affianco attivare la privacy e star la fin che non utilizzano tutto, tanto per le norme sulla privacy affiancano il medico quindi anche se vedono “sono coperti” i smanettoni non gli interessa nulla delle malattie dei pazienti.
    Spero nella massa informe di info di avervi fornito un qualche spunto che non avete analizzato, bravi, buon lavoro e Vi saluto. Flavio Sarzo

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 15:52 - Reply

      Gentile Flavio, grazie per l’accurata risposta che hai voluto darci e per tutti gli spunti generati. Il Consorzio Arsenàl.IT (Centro Veneto Ricerca Innovazione per la Sanità Digitale) si è occupato negli anni, per la Regione del Veneto, di formare i professionisti del settore salute sulle novità introdotte dal Fascicolo Sanitario Elettronico ed altre innovazioni digitali. Il cambiamento, però, richiede anche tempo, ma crediamo di essere sulla buona strada. Fondamentalmente noi siamo un “gruppo di smanettoni” (ma non solo!) e cerchiamo di creare, insieme a cittadini e professionisti, soluzioni che rispondano ai bisogni espressi dalle persone. Cordiali saluti

  16. alessandro 04/09/2020 at 10:14 - Reply

    il medico lancia la richiesta di prenotazione al CUP.
    Il CUP risponde sull’APP Sanità km0 fornendo la griglia dei luoghi, giorni e ore disponibili.
    Il paziente clicca su luogo, giorno e ora e prenota.
    saluti
    Alessandro

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 12:05 - Reply

      Gentile Alessandro, grazie del tuo prezioso spunto! Cordiali saluti

  17. Stefano 04/09/2020 at 10:56 - Reply

    Il problema più grosso è quando non si riesce proprio a fare la prenotazione perché il CUP non ha alcuna data disponibile. La cosa più terribile è che poi si torna più volte al CUP e sempre per niente (io devo fare 70 km tra andata e ritorno per andare al CUP). A me non interessa niente se la data della visita è 18 mesi dopo, almeno ho una data. Non avere alcuna data vuol dire di fatto non avere alcuna prestazione e nel caso di visite periodiche di controllo per malattie croniche è una situazione terribile.

    • Consorzio Arsenal.IT 04/09/2020 at 12:24 - Reply

      Gentile Stefano, grazie per il tuo commento e per la condivisione della tua esperienza. Ci spiace molto per la tua situazione e ti comunichiamo che stiamo lavorando proprio per portare i servizi più vicini ai bisogni degli utenti e mai viceversa: speriamo di poter innovare insieme! Cordiali saluti

  18. Catia 06/09/2020 at 12:21 - Reply

    dovreste fare un’indagine su come non funzionano gli appuntamenti agli ambulatori, ti dicono un’ora ma ne aspetti 2, un medico diverso ogni volta, mai una cosa continuativa, uno ti dice una cosa, uno te ne dice un^altra.

    • Consorzio Arsenal.IT 09/09/2020 at 10:25 - Reply

      Gentile Catia,
      ti ringraziamo per averci scritto e condiviso la tua esperienza. Il lavoro del Club Innovatori è quello di migliorare i servizi sanitari digitali e, purtroppo, quanto tu descrivi (pur essendo una situazione difficile per l’utente) non rientra nelle nostre competenze. Il consiglio che possiamo darti è di rivolgerti all’Ufficio Relazioni con il Pubblico della ULSS in questione e chiedere chiarimenti in merito.
      Cordiali saluti

  19. Silvia 06/09/2020 at 13:49 - Reply

    Buongiorno ! Condivido quanto scritto nella newsletter, seppure con un appunto: io lavoro in ospedale e spesso mi occupo delle prenotazioni per le visite successive ai pazienti cronici. . L’ostacolo principale sono i posti: chi lo visita il paziente se il medico non è presente??? A fronte di 2000 posti che ci servono per visita, ne disponiamo di metà. È comprensibile quindi come chi si rivolge al Cup, spesso trovi lunghi tempi di prenotazione oppure non trovi posto. È a monte che tocca risolvere il problema…. A presto.

    • Consorzio Arsenal.IT 09/09/2020 at 10:29 - Reply

      Gentile Silvia, grazie per aver condiviso la tua esperienza, è prezioso poter leggere anche il parere di chi la vive “dall’altra parte”. Comprendiamo la tua osservazione. Per quanto è in potere e rientra nelle nostre competenze, cerchiamo di raccogliere i bisogni degli utenti per dare avvio ad un miglioramento dei processi che poi sale verso l’alto. Speriamo quindi che anche in questo caso sia utile per innovare. Cordiali saluti

  20. pietro 22/09/2020 at 12:01 - Reply

    Salve a tutti , sicuramente concordo con la soluzione di uscire dall’ambulatorio del proprio medico di base con la prenotazione della visita o esame specialistico già programmato e concordato, evitando le difficoltà affini ai vari CUP ,quindi faccio tanti auguri ai programmatori (softeristi) che dovranno affrontare tale soluzione.
    un caro saluto
    pietro

    • Consorzio Arsenal.IT 23/09/2020 at 12:14 - Reply

      Gentile Pietro, grazie per il tuo commento e i tuoi auguri. Nel prossimo futuro vi sarà sicuramente un cambiamento nell’esperienza di prenotazione da parte degli utenti. Cordiali saluti

  21. Monica Fausta 27/09/2020 at 10:12 - Reply

    Buogniorno, premetto che il vostro lavoro è splendido e completa un servizio che mancava e sicuramene efficienterà il nostro rapporto con il servizio sanitario pubblico.
    E’ domenica mattina e sono andata a vedermi un referto che mi è stato segnalato con la mail automatica. Impensabile una cosa così qualche anno fa.
    Vi prego di continuare ad aggiungere tutto ciò che ci può essere utile per prenotare esami,visite, avere contatti con i medici e consultare referti, magari completi delle immagini o filmati (ecografie, TAC ecc). Molti servizi sono raggiungibili via telefono, però ci sono attese snervanti. Puoi lasciare un msg e sarai richiamato entro 2 giorni. Ma per chi lavora il telefono non sempre è utilizzabile per stare tanto tempo in attesa. Come non si può rischiare che il richiamo arrivi in un momento in cui non si può rispondere. Qualche servizio cita ancora di inviare un fax. Ma nessuna famiglia ha il fax in casa ed ora tanti uffici, tipo il nostro, non ce l’hanno neppure più.
    Sarebbe utile anche una sezione con cui colloquiare con i servizi amministrativi, se ad esempio servono copie di cartelle sanitarie, che senza bisogno di richiederle e andare a ritirare chili di carta si pagherebbero on line e ti arrivano in PDF.
    Spero che il progetto vada avanti, che non sia come le tante cose pubbliche che in passato venivano iniziate, ma poi abbandonate, perchè state facendo veramente un buon lavoro.
    Complimenti ancora per quanto realizzato finora e Auguri per il futuro.

    • Consorzio Arsenal.IT 28/09/2020 at 12:58 - Reply

      Gentile Monica Fausta, 
grazie per i complimenti e per i tuoi suggerimenti: per noi sono molto importanti!
      Sappi che le tipologie di documenti e referti disponibili sul Portale Sanità km zero Fascicolo aumenteranno nel tempo, nella speranza che il servizio sia sempre più utile e completo.
      Sul tema della prenotazione di visite ed esami, invece, stiamo lavorando con professionisti e cittadini per cercare di rendere più lineare il processo e, soprattutto, che questo risponda meglio alle esigenze degli utenti. Non appena avremo notizie certe, voi soci del Club sarete come sempre i primi ad essere informati sulle novità.

      Cordiali saluti.

  22. Monica 27/09/2020 at 10:29 - Reply

    Ho già mandato un commento e mi è venuta in mente un altra cosa che sarebbe veramente utile.
    Visto che per ogni persona nel Fascicolo c’è tutto ciò che la riguarda sarebbe utile poter visualizzare anche i documenti (referti, lettere di specialisti) che non vengono prodotti e caricati in automatico. Di solito quando vado dal mio medico di base li scansiona e li allega alla mia posizone, quella dove loro hanno il diario delle visite e prescrisioni. Sarebbe utile avere accesso ache a quei documenti e poterli visualizzare, potendoli recuperare se magari si perdono o si devono trasmettere in PDF.
    Sarebbe utile anche una sezione personale dove poter caricare documenti sanitari, magari da far consultare ai medici. Ad esempio il referto di una visita specialistica.
    In questo modo basta inserirli ed avvisare il proprio medico di averlo fatto senza doversi recare in ambulatorio a portarglieli.
    Acora buon lavoro

    • Consorzio Arsenal.IT 28/09/2020 at 13:01 - Reply

      Gentile Monica, grazie per i tuoi suggerimenti: per noi sono molto importanti!
      In futuro sarà reso disponibile un servizio per cui l’utente potrà caricare documenti in prima persona (inclusi quindi quei documenti che non vengono prodotti e caricati in automatico), in modo da renderli visibili ai professionisti che lo prenderanno in cura. Al momento non vi è ancora una tempistica per questa integrazione, ma i soci del Club Innovatori saranno sicuramente tra i primi a sapere di eventuali evoluzioni.

      Cordiali saluti

Commenta l’articolo